Artrite reumatoide tra terapie innovative e chirurgia

“La terapia dell’artrite reumatoide - spiega la dottoressa Gabriella Santalena, specialista in reumatologia presso l’Istituto Clinico San Siro - si basa sull’impiego di immunosoppressivi, cortisonici nelle fasi acute e, occasionalmente, anche FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei), al bisogno, per il solo controllo del dolore. Il trattamento dell’artrite reumatoide, tuttavia, negli ultimi anni, ha fatto passi da gigante con l’introduzione dei farmaci biologici, utilizzati soprattutto nei pazienti con malattia molto aggressiva e invalidante o non responsivi alle terapie convenzionali”. 

“Le complicanze della malattia - continua - si verificano con il subentrare di un interessamento sistemico multiorgano: cuore, polmoni, occhio e vasi che sono le sedi maggiormente colpite. La chirurgia non è indicata in tutti i casi, anche se sono disponibili diversi approcci chirurgici per i soggetti con gravi danni articolari, al fine di ridurre il dolore, migliorare l’articolarità e la qualità di vita. Sarà il chirurgo pertanto a decidere, in relazione al singolo caso clinico e alla problematica articolare, se procedere con una sinoviectomia, con un intervento riparativo di tendini, con una stabilizzazione articolare o con una protesizzazione dell’articolazione danneggiata”.

“Il periodo post operatorio - conclude Santalena - necessiterà pertanto di un’adeguata fase di riabilitazione da stabilire insieme al fisiatra, in relazione alla tipologia di intervento e di paziente”.

Chi siamo

L’Istituto Clinico San Siro, accreditato con il Sistema Sanitario Regionale (SSR), ha iniziato la sua attività nel 1957, entrando a far parte del Gruppo Ospedaliero San Donato nel 1989.

Dal 2017 il riconoscimento del carattere scientifico dell'IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi è stato esteso, per la patologia dell'apparato locomotore, anche all'Istituto Clinico San Siro.

Certificato secondo gli standard UNI EN ISO 9001 dal 2000, l’Istituto Clinico San Siro si è distinto, nel corso degli anni, per la sua vocazione ortopedico-riabilitativa. Il Centro di Chirurgia Protesica Anca e Ginocchio e il Centro di Chirurgia del Rivestimento dell’Anca rappresentano un punto di eccellenza per il trattamento chirurgico delle patologie degenerative delle articolazioni, qualora le terapie conservative di tipo farmacologico e fisioterapico non abbiano avuto successo...

 

Approfondisci

Le attività sanitarie

La struttura, accreditata per 164 posti letto, costituito da due edifici di sei piani ciascuno interamente climatizzati, occupa un’area di 8000 mq. Dispone di 5 Unità Operative di Degenza, 70 camere di degenza, 3 Sale Operatorie di avanzata tecnologia e di un Blocco Operatorio di Chirurgia a Bassa Intensità, un Centro di Radiologia e Diagnostica per Immagini con Risonanza Magnetica Nucleare, MOC e Radioterapia (Röentgenterapia), un Centro di Fisiochinesiterapia Ambulatoriale e un Centro Oculistico. Il Servizio di Diagnostica per immagini è dotato di un’apparecchiatura di ultima generazione per la Risonanza Magnetica aperta, con alta intensità di campo di 1,5 Tesla e dotata di un “tunnel” corto, con ingresso ampio e confortevole lettino mobile...

 

Approfondisci

Il Gruppo

FONDATO NEL 1957 COSTITUTO DA 19 OSPEDALI DI CUI 3 IRCCS 5.568 POSTI LETTOCURIAMO CIRCA 4,3 MILIONI DI PAZIENTI 250.000 TRAMITE IL PRONTO SOCCORSO 16.894 COLLABORATORI DI CUI 5.731 MEDICI 90% DELL'ATTIVITÀ CON IL SSN
 

Approfondisci

Foundation

La Fondazione del Gruppo Ospedaliero San Donato è un'organizzazione senza scopo di lucro che ha il fine di promuovere la ricerca, gli studi e gli scambi culturali nel campo delle scienze biomediche e dell'organizzazione sanitaria. Nata nel 1995, la Fondazione sostiene e realizza concretamente progetti scientifici di grande importanza ed urgenza per il presente ed il futuro del nostro Paese, avvalendosi di 17 aziende ospedaliere del Gruppo Ospedaliero San Donato, di cui 16 in Lombardia ed una in Emilia Romagna.
 

Approfondisci

X